Calcioscommesse, nuova svolta nelle indagini: indagato Corvia, critiche le posizioni di Sartor e Doni

di Redazione Commenta

C’è una nuova importante svolta nell’inchiesta del calcioscommesse, visto che ora entra in scena, anche se solo a livello formale, anche la Serie A. Infatti, l’attaccante del Lecce, Daniele Corvia, è stato iscritto al registro degli indagati dal pm Roberto De Martino. La novità è emersa in queste ultime ore. Dopo aver concluso la prima parte dell’indagine, quella relativa a Lega Pro e la Serie B, gli investigatori si stanno ora concentrando su quella che era stata definita “la seconda fase“, ovvera quella che riguarda i piani alti del calcio italiano. Ed il primo passo di questa seconda fase, è stato iscrivere il calciatore leccese, chiamato in causa dalle intercettazioni delle telefonate di Marco Paoloni, l’ex portiere della Cremonese, che dette il via all’inchiesta, per aver inserito del sonnifero nelle borracce dei compagni di squadra dopo essersi “venduto” la partita.
Ma se in un primo momento era sembrato che il coinvolgimento di Corvia fosse solmente un’azione di millantato credito di Paoloni, il quale accedeva ad una utenza di Skype a nome del collega che aveva conosciuto ai tempi della primavera della Roma, e chattava con i suoi amici di merenda, indicando le partite su cui giocare. Ma le ulteriori analisi svolte dagli uomini della squadra Mobile in questi ultimi giorni, hanno ottenuto nuovi elementi che possono rimettere in discussione tutto. Ricordiamo che l’avvocato dell’attaccante leccese, all’uscita dall’interrogatorio federale disse: “Abbiamo chiarito tutto“. L’iscrizione di Daniele Corvia non è però l’unica novità. Gli inquirenti sono infatti arrivati ad poter dire con assuluta certezza che quel “Gigi” che torna più volte in tutta l’inchiesta, “ponte” con gli scommettitori di Singapore era proprio Gigi Sartor, ex giocatore di Inter e Roma. Inoltre sembra anche aggravarsi la posizione del capitano dell’Atalanta, Cristiano Doni. La nuova parte dell’indagine è destinata a tornare sotto traccia per le prossime settimane.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>