Poker on line: a settembre giocati 124 milioni di euro, vinti 208

di Redazione 2

Tra tutti quelli in circolazione, c’è un gioco che sta sbancando ogni previsione. Parliamo del seguitissimo Poker On line, i cui dati di incasso portano a dire con tuttta tranquillità che il fermento degli scommettitori sulla rete virtuale supera di gran lunga quello suscitato dai concorsi da “sala da gioco”.

Ad avvallare quanto detto, basterebbe un dato: soltanto nel mese di Settembre, infatti, gli appassionati che si collegano sui tanti siti che consentono di poter giocare a carte con soldi reali, hanno speso circa 124 milioni di euro, per una vincita complessiva di 208 milioni.

I tavoli verdi virtuali valgono oggi il 60% dell’intero mercato dei giochi su Internet. Un altro dato ufficiale importante da segnalare – anche per quadrare il cerchio della tesi illustrata in precedenza – è quello che le sale del web incassano molto più dei vari Gratta e Vinci, Totocalcio e scommesse sportive.

E’ davvero avvincente poter vincere soldi (ma non va dimenticato che esiste anche l’altra opzione, quella di perderli perderli) nel giro di pochi minuti, anche se la passione dei giocatori è quella del torneo, ovvero l’iscrizione per pochi euro (ci sono tavoli da 0.50. 1, 2, 5, 10 100 euro e anche di più) che ti consente di vivere una sorta di competizione di livello internazionale (con tanto di premi, avversari, circuito eliminatorio).

Si parte con circa 200 concorrenti, ed alla fine il montepremi lo vincerà soltanto uno, ma in questo modo si perde soltanto la somma dell’iscirizione.

I problemi aumentano quando il divertimento viene vissuto in tempo reale, con partite di poker vere e proprie, quelle nelle quali in un attimo si possono vincere e perdere ingenti somme di denaro con persone sconosciute che partecipano al tavolo verde.

Il nostro consiglio è quello di giocare per divertirsi, usando sempre la massima prudenza e moderazione, senza farsi trascinare in un vortice di spesa folle e di dipendenza concreta che rischierebbe di trasformare la sana passione in un drammavero e proprio.

Commenti (2)

  1. I agree with the post above and I will find more information from google.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>